Breaking newsPolitica

Vaccini, Regione Abruzzo: Il Presidente Marsilio lascia indietro le categorie “fragili” e fa vaccinare prima i Magistrati.

Lo dichiara Stefania Pezzopane, capogruppo Pd in commissione Ambiente della Camera.

“Mi appello al Presidente Draghi e al ministro Speranza. La campagna vaccinale è troppo importante per la vita e la salute dei cittadini.

Sul tema dei vaccini va impedito alle regioni di realizzare brutta politica. L’Abruzzo del Presidente Marsilio è ancora senza un vero piano vaccinale, ha adottato delle linee guida discrezionali. Ancora molti over 80 sono in attesa dei vaccini, per non parlare delle categorie fragili.

Eppure questa mattina sono iniziate a Pescara le vaccinazioni della Magistratura. Fermo restando che tutti devono essere vaccinati e certamente giudici e magistrati, e che la giustizia non si deve fermare, non si può consentire che ogni regione vada per conto suo. E che i Presidenti facciano politica sulla pelle dei più deboli”.

“Le priorità – prosegue l’esponente dem – sono l’età e le fragilità, perché dunque si forza sulle regole? Perché allora non anche gli avvocati e tutti coloro che lavorano nei tribunali? O perché non gli autisti di bus e mezzi pubblici a contatto permanente con il pubblico? Non può essere lasciato al caso, alla convenienza o a strategie politiche ma fermamente collocato dentro i fattori di rischio e l’indice di mortalità.

Marsilio continua a fare danni. Rinnovo il mio appello: date regole che debbano essere rispettate o lasciate tutto nelle mani sapienti di Curcio e Figliuolo, con criteri oggettivi ed uguali in tutta Italia”.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy