Scienza e Salute

Termoscanner a Teramo: protocolli per la riapertura universitaria

Rigidi protocolli di sicurezza per l’Università di Teramo.
Mascherine e termoscanner si porranno come i lasciapassare per tutti gli studenti dell’ateneo. In arrivo 500 mascherine firmate Unite – triplo strato idrofobico, lavabile e riutilizzabile – per nuove matricole e studenti in rientro.

Il professor Fulvio Marsilio, virologo dell’ateneo, sostiene la validità del prodotto, il quale godrà dell’appoggio dei termoscanner: tuttora in prova, rileveranno la temperatura di coloro che varcheranno la soglia dello spazio condiviso.

Un ingresso vigilato risulta essere fondamentale, non solo nel rispetto delle più ordinarie normative sanitarie, ma per poter garantire una barlume di normalità quotidiana: di base, facilitare la ripresa degli studi e delle proprie mansioni di tutti gli studenti costretti a convivere con il Coronavirus. Sarà determinante, soprattutto in previsione di una pandemia destinata a perdurare ancora a lungo.
Già la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina aveva assicurato le medesime modalità preventive presso scuole e licei.

Non mancheranno le raccomandazioni di possesso autocertificativo, distanziamento e fornitura dei dispositivi di protezione – guanti e mascherine.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy