Strada Statale E45 ancora chiusa al traffico. Insorge la Confartigianato.

Continui disagi dei trasportatori costretti a pagare un surplus a causa della chiusura del viadotto Puleto

La Confartigianato Imprese Avezzano lancia un appello alle istituzioni riguardante la chiusura del viadotto Puleto sulla strada statale 3bis (E45).
Da due mesi a questa parte la via è ancora chiusa danneggiando, altresì, il commercio abruzzese in particolar modo le zone interne, nello specifico l’area marsicana. La sua chiusura costringe i veicoli pesanti a compiere lunghe e scomode deviazioni, aumentando così la perdita di tempo e di denaro.
La E45 è una valida alternativa all’autostrada A24/A25, permette un’ammortizzazione dei costi, rende il servizio più agevole e diretto. Per un autotrasportatore di mezzi pesanti, utilizzare l’autostrada come percorso alternativo la spesa totale, di un viaggio andata e ritorno, è pari a circa 140€ in più; in sostanza si parla di un rincaro del 10% più sulle spesse che, con la vecchia strada, non si avrebbero.


Dal Dott. Maurizio Peis, Responsabile categoria autotrasporto Confartigianato Imprese Avezzano, e da Gabriele Sillari, Presidente di Confartigianato Trasporti Abruzzo, lanciano un appello diretto al Presidente Regionale, Dott. Marco Marsilio.:”La Confartigianato Trasporti Abruzzo e la Confartigianato Imprese Avezzano, al fine di ridurre le difficoltà che a tutt’oggi il blocco sta causando, chiedono alle istituzioni regionali di concedere un congruo contributo, per ogni veicolo adibito al trasporto merci, in favore delle imprese con sede legale o operativa nei Comuni delle zone interne e che maggiormente utilizzano tale arteria alternativa. Si rende noto che un analogo intervento è stato già messo in atto dalla regione Toscana in favore delle imprese di autotrasporto di cose per conto di terzi aventi sede legale o operativa nei Comuni di Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Sestino”.



Lascia un commento