Cronaca

L’Aquila, cerimonia fondazione della Polizia di Stato: statistiche interessanti

Festeggiato questa mattina il 167° anno di fondazione della Polizia di Stato. Un traguardo esplicativo, che rievoca decenni di crescita e lotta alla criminalità sociale. L’Auditorium del Conservatorio dell’Aquila ha ospitato la suddetta cerimonia, adornandola di personalità di spicco e ottimo intrattenimento musicale. Ospiti diverse squadre di polizia nella provincia dell’Aquila, città di Sulmona, il comune di Roccaraso, Capistrello, Avezzano e molti altri; non mancavano le autorità politiche tra città e frazioni, né alcune presenze “virtuali” (come Sergio Mattarella, contributo enunciato in forma scritta).

A presenziare, in particolare, il Questore dell’Aquila Orazio D’anna, che ha largamente esposto le statistiche relative all’attività delle forze dell’ordine nell’anno 2018. Si è registrato un calo dei reati del 9%; nello specifico, «nessun omicidio volontario, 10 tentati omicidi e 6 omicidi colposi; diminuite del 6% le lesioni volontarie e del 26% le minacce; passate invece da 36 a 40 i casi di denuncia di percorse, da 15 a 22 quelli di violenza sessuale; in flessione del 16% il dato complessivo concernente i furti, con una diminuzione per quelli in esercizi commerciali e per quelli di autovetture in sosta; aumentati invece da 21 a 22 i furti con strappo e da 16 a 20 quelli di mezzi motorizzati a due ruote»; altri dati riguardanti la criminalità organizzata, il sequestro di sostanze stupefacenti e contrasto di furti e rapine;

Ricordiamo l’importanza di saper leggere e contestualizzare le statistiche, anche se resta, in generale, una buona spinta per il morale. A tal proposito, la seconda parte della mattinata ha visto la consegna di riconoscimenti e onorificenze per alcuni casi degni di nota – coinvolti il Vicequestore di Stato Tommaso Miglio e Marco Mastrangelo, il Sovrintendente capo coordinatore Fabrizio Bianco e gli assistenti capo coordinatori Pino di Persio e Michela Darrè; il Sovrintendente capo coordinatore Nicola Catone e gli assistenti capo coordinatori Michele Guetti, Alberto Giuliani, Paolo Corazza e Ivan Piccinini; il vice comissario Benedetta Mariani, il Sovrintendente capo Roberto Cutruneo, il Vice Sovrintendente Alessandra Genti Pizzutilli, gli assistenti capo coordinatori Fabrizio Recinelli e Annalisa De Paolis; l’assistente capo Achille Antonacci.

La cerimonia si è conclusa con un’ottima prestazione dei sassofonisti del Conservatorio Casella; la formazione strumentale è stata creata dal maestro e direttore Gabriele Semplicino ed ha chiuso l’evento con un’ottima parentesi musicale.

Il tema dell’evento, “Esserci sempre”, ha forse trovato un appiglio veritiero, a dispetto dei pareri contrastanti e qualunquisti sull’affidabilità delle forze dell’ordine. Nell’arco di una mattina, si è tornati a percepire la Polizia di Stato come un organo formato da individui singoli e, al tempo stesso, compatti, legati al proprio mestiere in metodi e modalità differenti; tipica concessione del cittadino è infatti quella di generalizzare e la forza pubblica non è l’unico settore colpito da questa ingiuria. Quando sono le problematiche di un paese ad aumentare (che sia in un macro che in un microcosmo come L’Aquila), è più semplice difendere l’indifendibile.

A volte si fa riferimento ad eventi passati senza aver bisogno di biasimo, altre volte si da voce al semplice dibattito sterile. Non è un segreto la difficoltà sociale a cui le forze dell’ordine vanno incontro, come, al tempo stesso, la corruzione e la nota sfiducia maturata nel corso della storia italiana. Da questo punto di vista, gli anni di piombo hanno purtroppo lasciato un segno indelebile, vanificando e generalizzando la buona condotta di singoli agenti degni del rispetto della divisa. Per un motivo o per l’altro, le rimostranze politiche ed il giogo della disinformazione possono rendere vana anche la più limpida delle intenzioni.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy