Breaking newsCultura

Onda d’innovazione – geek festival: un bilancio positivo

L’AQUILA: Innovazione, creatività, idee, responsabilità e merito sono i valori a cui si è ispirata l’iniziativa “Onda di innovazione”.

Obiettivo di questo festival diffuso sul territorio è stato quello di costruire un percorso, articolato su più appuntamenti, spalmati nell’arco dell’anno, in grado di veicolare – presso un pubblico sempre più vasto – la possibilità di conoscere meglio le possibilità, le opportunità e gli strumenti necessari per dare vita ai propri progetti imprenditoriali ed esistenziali.

In particolare, l’intento è stato quello di dar vita a una ‘rete di spazi di lavoro condiviso’ a vantaggio dell’autoimprenditorialità.

Questi spazi comuni sono luoghi dove le persone si ritrovano per lavorare, sperimentare, imparare in una logica di condivisione e di contaminazione tra vita e lavoro, cliente e fornitore, imprenditore e apprendista.

Quest’anno – causa covid – come i principali festival, l’appuntamento conclusivo della manifestazione si trasferisce online: i diversi appuntamenti sono trasmessi online (a partire dal profilo FB di L’Aquila che rinasce per poi essere rilanciato sui profili di tutti i partner) e diverse pillole anche sui canali analogici.

Le tre giornate del 18, 19 e 20 dicembre sono state l’occasione per parlare di innovazione sociale, cittadinanza attiva & startup e fare il punto sulle tante iniziative in cantiere per il prossimo anno. I numeri hanno premiato questa soluzione: 10mila contatti con una permanenza media sui canali molto alta; inoltre i diversi panel hanno avuto la capacità di generare decine di tweet e di condivisioni social.

L’iniziativa è stata organizzata da L’Aquila che rinasce, assieme alla Presidenza del Consiglio Regionale, al Comune dell’Aquila, ai Giovani di Confindustria, a Startup L’Aquila, e con una costante collaborazione con tante associazioni come Rosso d’Aquila, Uomini d’Arme, Mellon, Distretto88, Ludobus, Bambini di ieri e di oggi, Bandierai dei 4 Quarti, Dentro le Mura.

Si è trattato di una collaborazione che ha permesso di accompagnare Onda d’Innovazione con laboratori, seminari e momenti ludico-ricreativi, nel pieno rispetto delle norme covid e in modalità innovativa.

In particolare, tra i contenuti, è stata evidenziata – per quanto riguarda la ricostruzione – la duplice sfida della digitalizzazione e della semplificazione.

Inoltre, si è sottolineato l’importanza delle discipline STEM perché è in queste 4 materie – Science, Technology, Engeneering e Maths – che si annidano le maggiori opportunità lavorative del futuro.

Tra 10 anni il mondo del lavoro si arricchirà di professioni per le quali oggi non esiste neanche un nome.

E affinché – ancora una volta – le donne non restino escluse è necessario promuovere azioni concrete per aumentare il loro interesse e la loro presenza in questi settori, al fine di ridurre un gender gap che in queste discipline è ancora troppo alto.

La 3 giorni è stata anche l’occasione per parlare di linguaggio inclusivo, legato soprattutto alla declinazione al femminile dei ruoli. Un tema fondamentale per dare il giusto riconoscimento al lavoro e al ruolo delle donne nella nostra società.

Il sindaco Biondi, commentando l’evento ha affermato: “Sono davvero molti i fermenti culturali della nostra città, voglio complimentarmi con i ragazzi di ‘L’Aquila che Rinasce’ che ci hanno proposto una tre giorni con contenuti di alto livello, fruibili in modalità innovativa”.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy