Si è tenuto questa mattina, nella sala Ipogea dell’Emiciclo, il Primo Convegno organizzato dal Centro sociale anziani “Torrione-San Francesco” dell’Aquila.
In apertura dei lavori il vicepresidente vicario del Consiglio regionale, Roberto Santangelo, rivolto ai partecipanti ha esordito a “Non considerarsi ospiti in questo luogo, ma a considerare questo spazio non solo delle istituzioni ma come un luogo aperto agli aquilani e a tutti coloro che voglio incontrarsi e confrontarsi  sui temi della cultura e dell’arte”. “Apprezzo molto il lavoro che svolgete sul territorio della città dell’Aquila come Centro di aggregazione sociale che non si limita ad organizzare tornei di carte o incontri danzanti- ha aggiunto Santangelo –  ma cercate, con le diverse iniziative, stimoli e motivi di crescita culturale attraverso le molte attività messe in campo che vanno dai corsi di lingua inglese, all’attività fisica e ai viaggi”. “Nei paesi, nei piccoli centri, il senso della comunità si è mantenuto più o meno inalterato nel tempo e molte sono le occasioni di incontro e di dialogo che sono certamente maggiori rispetto a quanto avviene in città. Anche il sisma ha determinato un inaridimento dei rapporti tra le persone che in molti casi sono state sradicate dai propri luoghi rendendo i momenti di incontro difficili se non impossibili”. “Questo Centro, nato nel 2017, svolge un ruolo importante di coesione per gli anziani, per le persone sole che non hanno una struttura familiare. Mantenere vivi gli interessi, essere curiosi, essere aggiornati sulle problematiche di salute e sicurezza – ha concluso il vicepresidente del Consiglio regionale –  è sicuramente il miglior modo di affrontare questa parte di vita”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.