Breaking newsCulturaSpettacolo

  IL PIANETA MALDICENZA, QUINDICESIMA EDIZIONE

Oggi il convegno sul tema del 2020, “Maldicenza e Vino

Dopo il successo dei primi due appuntamenti, “Ma n’atra ‘ote quissi..e le storie continuano” della Compagnia In-stabile “Esso Quissi” e “Ci stea ‘na ‘ote…Forse”, messa in scena dalla compagnia teatrale La Bottega dei Guitti, con l’Auditorium del Parco stracolmo e impossibilitato ad accogliere tutti gli interessati, domani, giovedì 16 gennaio, terzo evento della quindicesima edizione del festival “Il Pianeta Maldicenza”.

Alle 17.30, all’auditorium “Sericchi” della Bper, in via Pescara 4, si terrà l’incontro “Vino e Maldicenza”, che rappresenta il tema scelto per l’edizione di quest’anno dell’evento che si propone sempre di fare conoscere e valorizzare la tradizione tutta aquilana di Sant’Agnese come critica sincera, goliardica e costruttiva e non come basso pettegolezzo. L’organizzazione ringrazia la Bper, che è anche sponsor del Festival, che gode del sostegno e del patrocinio del Comune dell’Aquila.

L’incontro è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Italiana  Sommelier Abruzzo Centrale. I saluti iniziali saranno portati da Emanuele Imprudente, vice presidente della Regione Abruzzo e assessore all’Agricoltura Regione. L’introduzione sarà affidata ad Angelo De Nicola, presidente dell’associazione “Confraternita aquilana dei ‘devoti’ di Sant’Agnese” e ad Antonello Moscardi, presidente onorario della Fondazione Italiana Sommelier Abruzzo Centrale.

Gli interventi sul tema saranno tenuti da Alessandro Tozzi, docente della Fondazione Italiana Sommelier, Enrico Cerulli Irelli, presidente del consorzio Vini Colline Teramane, Jenny Viant Gomez, giornalista esperta di vini e Luigi Cataldi Madonna, docente e imprenditore vinaiolo.

Coordinerà i lavori Demetrio Moretti, delegato dell’Accademia Italiana della Cucina dell’Aquila.

Tags
Show More

Related Articles

La tua opinione per noi è importante... ;)

Back to top button
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: