Era attesa ed è arrivata chiara e netta la presa di posizione del Ministro Dario Franceschini sul caso del Festival degli Incontri. “La invito – dice Franceschini – a porre in essere tutti gli atti volti ad assicurare lo svolgimento del Festival secondo il programma previsto che, come ho già ribadito nei giorni scorsi e alla luce di quanto sopra illustrato, non può né deve essere oggetto di alcuna pressione e interferenza politica”.


Il Sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, dopo aver manifestato nei giorni scorsi, il suo netto dissenso ad oragnizzare la manifestazione con la presenza dello scrittore Roberto Saviano e del fumettista Michele Rech in arte Zerocalcare si era lasciato andare con pesanti dichiarazioni durante il suo intervento al festival di Atreju in cui aveva definito il Festival “una carnevalata di sinistra”.

Oggi la direttrice artistica dell’evento Silvia Barbagallo ha dichiarato “Finalmente. Le parole di Franceschini sono molto importanti perché ripristinano il racconto di quello che è stato il nostro lavoro e ne proteggono la correttezza. Non credo che l’intervento del ministro basti a risolvere tutto. Ma è importante sottolineare il suo no all’ingerenza della politica nel mondo della cultura. È fondamentale per tutti gli eventi culturali perché questo caso era diventato un po’ emblematico”.

Nel mezzo della diatriba resta una città che non merita di assurgere ancora all’onore delle cronache nazionali per un fatto che contribuisce ancora di più a relegarci in un provincialismo poco “aristocratico”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.