“Il Jazz italiano per le terre del sisma” torna anche nel 2022 con un’edizione che rafforza l’impegno in prima linea nelle terre del cratere delle quattro regioni coinvolte – Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria – confermando il coinvolgimento e l’organizzazione della Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano” e il coordinamento operativo dell’associazione Jazz all’Aquila.

L’evento è promosso e sostenuto dal Ministero della cultura, il Comune dell’Aquila-Progetto Restart, è promosso da Regione Abruzzo, con il sostegno del Main Sponsor SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, con il contributo di NuovoIMAIE, di Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, dei molti partner tecnici coinvolti.

Il progetto ha presto vita, come ormai da tradizione, il 27 agosto a Camerino con un evento musicale che ha dato inizio alla quarta edizione del Cammino solidale (una settimana di concerti e trekking nel cuore delle Terre del Sisma tra le regioni sopracitate), per avviarsi alla conclusione ne centro storico dell’Aquila, con due giornate piene di grandi concerti (3 e 4 settembre).  

La direzione artistica, come scelto dalla Federazione già dal 2020, vede tre diverse voci che si sono impegnate per quasi un anno a costruire il programma delle due giornate: quest’anno, infatti, la triplice firma sul calendario è di Riccardo Brazzale (musicista, direttore artistico Vicenza Jazz Festival), Claudio Filippini (musicista) e Francesco Mariotti (direttore artistico Pisa Jazz).

L’edizione del 2022 vede l’omaggio a Pier Paolo Pasolini e Charles Mingus – dei quali si celebrano i 100 anni dalla nascita – evidente già dal titolo scelto per la manifestazione dalla direzione artistica “In molti sogni, la verità che è in noi”.

Omaggio che si concretizzerà in un programma aperto alla ricerca artistica, il filo rosso che lega idealmente questi due giganti del ‘900, all’elogio della diversità, al viaggio che, dando spazio a molti musicisti eccellenti, attraverserà i “molti sogni” del Jazz Italiano.

Numerosi saranno i progetti dedicati ai due artisti a partire da “100 Comizi d’Amore” di Giovanni Guidi, Silvia Bolognesi & Emanuele Parrini “Mingus 100”, Furio Di Castri Quintet “Furious Mingus”, passando per il progetto “Le Nuvole di Pier Paolo” con Daniele Sepe, Flavio Boltro e altri importanti musicisti, Luca Bulgarelli & Jacopo Ferrazza “Mingus Project”, Robert Bonisolo Quartet feat.

Anna Zago “PPP PIG BAND” e la grande Fonterossa Open Orchestra diretta da Silvia Bolognesi in “Mingus Mingus Mingus”.

Da sottolineare anche l’importante lavoro di tutte le associazioni che fanno parte della Federazione per apportare un arricchimento alla manifestazione, con la realizzazione di eventi collaterali, concerti, incontri, progetti multimediali, laboratori per l’infanzia, supporto organizzativo.

L’associazione dei Musicisti Italiani di Jazz, quella dei festival I-Jazz, Italia Jazz Club, associazione Il Jazz va a scuola insieme all’associazione delle etichette indipendenti di jazz (ADEIDJ) e dei fotografi italiani di jazz (AFIJ) hanno contribuito a creare e consolidare quella visione diversificata, aperta e integrata voluta dalla direzione artistica portando ognuno la propria parte, la propria esperienza, e sottolineando così il ruolo della Federazione, da sempre impegnata nella grande manifestazione portata avanti nel rispetto di solidarietà, inclusione, coralità.

Il programma inizierà il sabato pomeriggio (3 settembre), dalle ore 16, alla Fontana delle 99 Cannelle per l’arrivo del Cammino Solidale.

Saranno oltre 200 i musicisti coinvolti anche nel 2022 nelle varie location, con rinnovata attenzione ai progetti delle nuove generazioni, alle produzioni originali e ai diversi linguaggi musicali.

Main stage in Piazza Duomo, dove la sera di sabato 3 settembre si esibirà Enrico Rava, in un atteso ritorno sul palco centrale dell’Aquila, insieme alla giovane violinista Anais Drago, la Big Band del Conservatorio A.

Casella dell’Aquila, Furio Di Castri Quintet “Furious Mingus”, il progetto speciale “Le Nuvole di Pier Paolo”, i Funk Off e l’ensemble Odwalla diretta da Massimo Barbiero.

Domenica 4 settembre gran finale con Franco D’Andrea e Dj Rocca a chiudere il ricco programma della giornata, in Piazza Duomo. 

Le altre location scelte: Viale delle Medaglie d’Oro (Parco del Castello), Piazza Santa Margherita, Piazza Chiarino, Chiostro Palazzo Cipolloni Cannella, Portici dei Quattro Cantoni, Piazzetta del Sole, Oratorio di Sant’Antonio dei cavalieri de Nardis, Casa dello Studente, Auditorium del Parco, Libreria Colacchi.

Confermate, come già preannunciato, anche le attività curate dalle altre associazioni della Federazione, in particolare: Italia Jazz Club, presieduta da Rosario Moreno, curerà il programma del jazz club, sabato 3 settembre, con tre concerti curati ad hoc per la manifestazione e l’attesa jam session serale che animerà Piazzetta del Sole fino a tardi. Attesi importanti nomi del jazz italiano come: Dario Carnovale, Lorenzo Conte, Enrico Morello, Vito Quaranta, Vince Abbracciante, Giorgio Vendola, Helga Plankensteiner per citarne alcuni.

L’Associazione Il Jazz va a Scuola, presieduta da Catia Gori, consolida la propria presenza all’Aquila con un importante programma di laboratori, compreso un laboratorio orchestrale, dedicati a neonati, bambini e ragazzi (da 0 a 19 anni) organizzati presso l’Auditorium del Parco in collaborazione con IC Mazzini, IC Patini e il Liceo Musicale (dettagli nel programma allegato). 

L’associazione dei festival, I-Jazz (Corrado Beldì il presidente) conferma la propria partecipazione nel coadiuvare e gestire i palchi durante le due giornate della manifestazione grazie ai numerosi direttori artistici associati che saranno presenti, figure storiche da anni al fianco dell’organizzazione.

L’associazione dei musicisti italiani di jazz, MIdJ, ha lavorato per individuare alcuni degli artisti che si esibiranno durante le due giornate attraverso bandi dedicati, musicisti che verranno promossi e sostenuti da tutto il direttivo dell’associazione, presieduto da Alessandro Fedrigo, che sarà presente all’Aquila anche per incontrare e dialogare con gli artisti, promuovendo le attività dell’associazione e la nuova campagna di adesione 2023.

Previsto anche un MIdJ Meeting, il 4 settembre alle ore 15 con un breve speech a Piazza dei Gesuiti a prologo dell’esibizione del trio di Valentina Fin.

L’associazione dei fotografi (AFIJ, presidente Maurizio Magnetta) collabora con MIdJ alla realizzazione di performance multimediali dal vivo che vedranno il dialogo artistico tra fotografi e pianisti, uno scambio creativo basato sull’improvvisazione e sulla sensibilità reciproca.

ADEIDJ (associazione delle etichette discografiche) invece inviterà il pubblico a “portare a casa” il jazz che ascolterà live durante la manifestazione.

Grazie alla collaborazione con Qobuz verrà realizzata una stazione d’ascolto munita di cuffie per ascoltare una playlist ufficiale della piattaforma dedicata e curata dall’associazione presieduta da Federico Mansutti; sarà diffuso inoltre un QR code che regalerà tre mesi di ascolto gratuito su Qobuz.

Confermata anche la collaborazione con Alexanderplatz Jazz Club

Organizzerà una sessione musicale a conclusione della manifestazione a Piazza Chiarino la sera del 4 settembre con la speciale AlexandetPlatz Jazz Orchestra diretta da Franco Piana e Paolo Vivaldi.

Tornerà anche ed esibirsi a “Il jazz italiano per le terre del sisma”, confermando quindi una collaborazione virtuosa, la band vincitrice del Conad Jazz Contest organizzato da Umbria Jazz e sostenuto da Conad: Five Angry Man, un quintetto nato nell’ambito di Siena Jazz e composto dal sassofonista Lorenzo Simoni, il trombettista Giacomo Serino, il pianista Pierpaolo Zenni, il contrabbassista Matteo Bonti e il batterista Mauro Patti.

Durante le due serate verranno anche conferiti i seguenti premi da parte della Federazione Il Jazz Italiano: Premio speciale Italia Jazz Club a Rosetta Jazz Club di Matera; Premio speciale Il Jazz Va a Scuola a Zoe Pia; il Premio speciale Associazione Etichette indipendenti di Jazz a Giovanni Bonandrini.

Il Premio Giovani Visionari a Giovanni Iacovella; il Premio speciale Associazione Fotografi Italiani di Jazz a Pino Ninfa; il Premio Gender Equality, dato in collaborazione con Associazione Jazz Mine per la prima volta in Italia, al Festival “Una Striscia di Terra Feconda” (menzione speciale al festival tutto al femminile Lucca Jazz Donna).

Il Premio Festival Italiano a Iseo Jazz; il Premio Nuove Direzioni a Fausto Savatteri, FestiValle dei Templi di Agrigento; il Premio Speciale a Roberto Masotti, consegnato a Silvia Lelli; il Premio alla Carriera a Franco D’Andrea.

La manifestazione è promossa da MIC – Ministero della cultura dal Comune dell’Aquila all’interno del Programma Restart (Progetto sostenuto con fondi Restart – Sviluppo delle potenzialità culturali ai sensi della Delibera CIPE 10 agosto 2016, n. 49”), sostenuta dai Comuni di Accumoli, Amatrice, Camerino, Fiastra, Norcia, Usssita e da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, in qualità di main sponsor, con il supporto di NUOVOIMAIE, Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, Regione Abruzzo, il contributo tecnico di CAFIM, e organizzata e coordinata dall’associazione Jazz all’Aquila in collaborazione con la Federazione Nazionale Il Jazz Italiano.

Programma generale: https://bit.ly/3z95bph 

INFORMAZIONI GENERALI:

jazzallaquila@gmail.com, segreteria@i-jazz.it 

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI MARCIA SOLIDALE:

331 2233904 – camminojazz@gmail.com

UFFICIO STAMPA 

Maurizio Quattrini maurizioquattrini@yahoo.it – 338 8485333

Guido Gaito info@gaito.it 329 0704981

Materiale fotografico in collaborazione con l’Associazione dei Fotografi Italiani di Jazz

CANALI SOCIAL UFFICIALI:

www.italiajazz.ithttps://www.jazzallaquila.it/https://www.iljazzitaliano.it 

italiajazz fb – https://www.facebook.com/www.italiajazz.it/

italiajazz inst – https://www.instagram.com/italiajazz.it/ 

jazzallaquila fb – https://www.facebook.com/Jazz-allAquila-111837841154501 

jazzallaquila inst – https://www.instagram.com/jazzallaquila/ 

federazione fbhttps://www.facebook.com/fediljazzitaliano/

federazione inst Federazioneiljazzitaliano

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.