Breaking newsCronaca

Fine lockdown, l’appello dei medici aquilani

La fine del lock down

In vista della fine del lockdown e il conseguente allentamento delle restrizioni emanate, medici e dirigenti del nosocomio aquilano lanciano un appello.


Gino Bianchi, direttore del servizio 118;

Paolo Carducci, primario facente funzioni del reparto di Pneumologia;

Alessandro Grimaldi, primario del reparto di Malattie infettive; 

Franco Marinangeli, primario del reparto di Anestesia e Rianimazione;

Domenico Pompei, direttore del Dipartimento Prevenzione della Asl numero 1; 

Luigi Valenti, direttore del Pronto soccorso dell’ospedale dell’Aquila, insieme al Sindaco Pierluigi Biondi Lanciano un appello alla responsabilità ed alla consapevolezza nei confronti della comunità aquilana.

IL TESTO DELL’APPELLO

“RESPONSABILI VERSO SALUTE E LIBERTÀ”

“La fase 2 ha in sé il valore del primo e fondamentale passo verso il ritorno alla quotidianità, messa a dura prova dall’aggressività del Covid-19.

Gli aquilani sanno bene cosa significa il prima e il dopo di un evento devastante.

La fase 2 non significa non dover più rispettare le misure di distanziamento sociale che, comunque, sono state riviste attraverso specifiche opportunità di socializzazione controllata e, soprattutto, attraverso la ripresa delle attività economiche e produttive, filtrate da altrettante regole.

Non possiamo consentire che il virus, dopo aver ucciso le persone, uccida l’economia, la cultura, le città, le comunità.

Lockdown: La fase 2 va affrontata con determinazione, fiducia e disciplina.

Non ci salveranno i tamponi, non ci salverà la buona sorte, ma il senso di responsabilità e il rispetto delle regole, precondizioni e condizioni per poter tornare alle nostre esistenze prima della pandemia.

Ci vorrà ancora molta pazienza e molto impegno per sconfiggere il virus.

Seppur stanchi, riprendiamoci la nostra vita, in sicurezza e con intelligenza.”

Auspichiamo un’applicazione, da parte di tutti, delle misure di prevenzione e sicurezza citate affinchè non debbano ripetersi più episodi come quello che ha coinvolto in centro città decine di giovani ansiosi di riprendere la “movida”.

Ritornare nella fase 1, come potrebbe succedere se non si applicassero le dovute prevenzioni, sarebbe disastroso.

Tags
Show More

Related Articles

La tua opinione per noi è importante... ;)

Back to top button
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: