Breaking newsCronaca

Continua lo scempio del taglio degli alberi sulla statale 17: intervenga la magistratura!

Il Consigliere comunale Lelio De Santis torna a denunciare il taglio indiscriminato degli alberi sulla statale 17. Un taglio che sembrerebbe fatto senza le necessarie autorizzazioni stante anche la “distrazione” dell’amministrazione Comunale.

“Un mese fa denunciai il taglio non autorizzato di decine di alberi sulla statale 17 fra Onna e San Gregorio, da parte di una Ditta per conto dell’Anas.

Sollecitai l’intervento del comando dei vigili urbani e del
comando della forestale, oltre che del Sindaco ddll’Aquila, Pierluigi
Biondi, ed il problema mi sembrava risolto, dopo l’intervento dei vigili
urbani.

Invece, lo scempio è ripreso come prima e con un’insensibilità
unica ed irrispettosa delle norme.

Maggiore è però l’insensibilità che ha dimostrato l’Amministrazione comunale che ha taciuto ed ha tollerato il taglio di tanti alberi di alto fusto ed in ottima salute, che sta avvenendo senza l’autorizzazione del Settore ambiente e della forestale.

Evidentemente, non si può disturbare il colosso Anas che, forse per evitare i costi per la manutenzione e per la potatura degli alberi, ha deciso di eliminare il problema alla radice, eliminando gli alberi!

A questo punto, vista la insensibilità e la complicità di Chi dovrebbe
tutelare il patrimonio arboreo e far rispettare le regole per gli interventi previsti sul proprio territorio, provvederò ad interessare la Procura della Repubblica perché accerti eventuali responsabilità o omissioni di atti da parte degli Organi deputati al controllo.

Oggi, più di ieri, la tutela dell’ambiente é una priorità, che deve essere praticata e non solo dichiarata!

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy