Breaking newsCultura

CIVITARETENGA PER I BORGHI DEL RESPIRO

NAVELLI, Conto alla rovescia per l’inserimento di Civitaretenga, affascinate frazione di Navelli, nel prestigioso circuito dei Borghi del Respiro. Appuntamento per sabato 11 settembre alle ore 17 nel convento di Sant’Antonio a Civitaretenga con la conferenza di presentazione del riconoscimento. L’iniziativa è nata per promuovere il turismo legato alla salute e alla salubrità dell’area nei piccoli borghi incontaminati. “Negli ultimi anni”, ha detto il sindaco di Navelli e commissario della comunità Montana Montagna di L’Aquila, Paolo Federico, “abbiamo assistito alla crescita di un turismo legato alle particolarità dei territori e noi non potevamo stare a guardare. Per questo siamo convinti che l’inserimento di Civitaretenga nel circuito dei Borghi del respiro, possa contribuire a far conoscere le bellezze della zona e soprattutto, in questo caso, a far apprezzare l’importanza di vivere in contesti lontani da inquinanti e caratterizzati da aria pulita e salutare”.  I dettagli dell’inserimento della frazione di Navelli nel circuito saranno presentati nella conferenza in programma per sabato. A fare gli onori di casa il sindaco Paolo Federico, che sarà seguito dall’intervento di Luciano Morini presidente associazione nazionale “Borghi del Respiro”, Massimo Alesii consigliere associazione nazionale “Borghi del Respiro”, il pneumologo di Aipo-Its, Roberto Tazza, Francesca Marinangeli coordinatrice del comitato scientifico Crea e Loretta Pace botanica aerobiologo Mesva – università degli studi dell’Aquila. A moderare l’incontro ci sarà Massimiliano D’Innocenzo, presidente del consorzio per la tutela dello zafferano dell’Aquila DOP, mentre le conclusioni saranno affidate a Roberto Santangelo vice presidente del consiglio regionale d’Abruzzo. Il progetto borghi del respiro oltre a favorire lo sviluppo di una cultura della salute e incentivare la fruizione di luoghi dall’alto valore naturalistico punta ad offrire ospitalità mirata ai soggetti sensibili ad allergie ambientali.

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy