Sarebbe gesto di maturità perché la Regione possa occuparsi delle attività e delle scelte necessarie a risollevarci”

“Sebbene la popolazione abruzzese stia dimostrando di essere fra le più rigorose in termini di rispetto delle normative della quarantena, i territori più colpiti e, soprattutto il personale sanitario in prima linea contro il covid hanno bisogno di scelte determinate e coraggiose, perché il sacrificio di tutti venga ripagato. Per questo torno a chiedere al Presidente Marsilio di ricorrere a una professionalità di supporto all’Ordinamento Regionale, che si occupi solo dell’emergenza” torna a chiedere il consigliere regionale PD Antonio Blasioli.

“Non una figura che diminuisca il ruolo e l’importanza decisionale della Regione e del suo esecutivo: “Ma una figura competente, alla quale delegare le scelte contingenti legate al contagio e alla cura, questo al fine di potersi occupare dell’attività ordinaria e straordinaria connessa all’emergenza, che è imponente e richiede attenzione particolare – chiede Blasioli – Serve un profilo decisionista e competente, Marsilio lo scelga, d’intesa col Governo e secondo i parametri che riterrà più adeguati, ma non rinunci alla possibilità di potersi occupare principalmente di tutto il resto che non può e non deve restare secondario.

Dobbiamo pensare al futuro, costruirlo insieme alle forze economiche e produttive, dobbiamo pensare alla gente, curarla, sì, ma tornare a far crescere lavoro e opportunità.

Con una figura dedicata sarà più facile anche fare scelte determinate sul fronte sanitario. Tutti ci auguriamo che le curve e i dati su contagi e vittime invertano la tendenza, ma perché questo accada è indispensabile avere più spazi ove gestire i positivi non ospedalizzati e per il personale sanitario più esposto, com’è accaduto a Wuhan e come si sta facendo anche in Lombardia e Veneto, giungendo anche a convenzionare strutture dove si attui meglio il distanziamento sociale che ci può salvare in questa fase di contagio.

In questo modo si affronta il problema dei positivi che oggi non hanno bisogno di essere ospedalizzati e devono fare la quarantena a casa senza mettere a rischio la famiglia. Per loro potrebbe essere fondamentale l’individuazione di un albergo per il periodo strettamente necessario, con del personale che li controlli tutti.

Stessa idea per il personale sanitario più esposto, dove ognuno si organizza come può, non essendoci strutture per accogliere chi vuole lottare in prima linea. Sono uomini e donne che non vogliono diventare eroi, ma fare semplicemente il proprio lavoro in sicurezza.

Per questo è importante anche la questione dispositivi per chi lavora negli ospedali, per farmacisti, medici di famiglia: devono avere visiere, mascherine, guanti, divise di biocontenimento, camici che siano professionali e non di fortuna e in numero adatto a fronteggiare anche danneggiamenti e incidenti imprevedibili (strappi, mascherine che cadono mentre si indossano).

Conoscere le dimensioni del contagio ci salverà, cosa possibile solo estendendo il numero dei tamponi, ma affinché le strutture operative reggano, serve eseguirli innanzitutto sul personale ospedaliero tutto, nonché su medici di base, farmacisti e protezione civile, che sono a contatto con centinaia di persone, perché devono poter continuare ad agire senza rimetterci la vita e senza a loro volta contagiare.

Bene che a Pescara e allo Zooprofilattico si sia aggiunta Chieti ma anche Avezzano potrebbe fare la sua parte e significherebbe molto in termini di riduzione dei tempi di coltivazione di un tampone. Oggi si scontano attese elevate tra il prelievo del tampone e la sua coltivazione e questa rappresenta una falla dell’intero sistema.

Al contempo è necessario porre le basi per una vera e propria campagna di tamponi nei giorni in cui i casi scenderanno, studiando una strategia capace di dare l’esatta dimensione dei contagiati e del rischio di contrarre il virus”. 

Messaggio Elettorale a Pagamento

Messaggio elettorale a pagamento

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.