Breaking newsCronaca

Autostrade Abruzzo: Pezzopane (Pd), sono un calvario, ottenuta audizione Gentile, Gisonni e Gruppo Toto.

Le autostrade abruzzesi sono diventate un vero e proprio calvario non solo per le tante interruzioni ormai presenti sulle tratte A24 ed A25, come ben descritto nel comunicato stampa dell’On. Stefania Pezzopane che riportiamo di seguito, ma anche per chi come noi, ieri 3 giugno 2021, siamo rimasti incidentati con la nostra autovettura all’altezza di Carsoli in direzione Roma – L’Aquila.

Un guasto alla turbina di aspirazione del veicolo ha infatti causato una improvvisa accellerazione della vettura che nonostante fosse ferma ha rischiato di incendiarsi. La pronta reazione dei passeggeri , inclusi mamma e papà della bimba di tre anni che viaggiava con noi, ha evitato il peggio, visto che la vettura è stata rapidamente avvolta da un denso fumo nero.

Messa in salvo la piccola ed il resto degli occupanti del veicolo abbiamo subito chiamato il numero verde della nostra compagnia di assicurazione per far rimorchiare la vettura, mentre nel frattempo si fermava il soccorso stradale che passava perchè chiamato per altro intervento.

Ancora visibilmente scossi dall’accaduto e sotto un sole cocente abbiamo salutato con piacere l’arrivo del carro attrezzi convenzionato con la nostra compagnia di assicurazione autorizzato al prelievo del veicolo.

Una felicità prontamente interrrotta dal dipendente dell’ Autostrada dei Parchi che richiamato dalla sala operativa ci invitava a far scendere la vettura già caricata sul mezzo di soccorso paventando una mancata autorizzazione dello stesso ad operare sulla tratta autostradale.

Alle rimostranze del titolare del carro attrezzi ed alle nostre sollecitazioni di un chiarimento a posteriori della questione puramente burocratica da dirimere, vista la condizione di precarietà in cui ci trovavamo coinvolti, in mezzo un’autostrada, con una bimba speciale di tre anni ancora visibilmente scossa dall’accaduto e sotto il sole cocente delle ore 13.00 la risposta perentoria è stata quella di chiamare la pattuglia della Polizia Stradale che secondo le loro intenzioni avrebbe dovuto imporci di scendere il veicolo e di servirci di un carro attrezzi convenzionato con la società concessonaria.

Certi della comprensione degli agenti di Polizia abbiamo atteso il loro arrivo.

Un arrivo che ha fugato le nostre speranze di una rapida soluzione del problema visto che sono iniziati i controlli dei documenti personali, dei documenti del carro attrezzi, dei documenti della vettura il tutto sempre sotto il sole e con la bambina tenuta in braccio dalla madre.

La storia è andata avanti per circa 30 minuti, più i 50 di attesa prima che arrivasse il carro attrezzi, fà 80 minuti in attesa sul ciglio dell’autostrada per dei controlli che potevano essere stati effettuati a posteriori vista anche l’impossibilità di una qualsivoglia fuga dei soggetti coinvolti.

Sicuramente si è trattato di un cattivo servizio a fronte di un incidente che solo per fortuna non si era trasformato in tragedia.

Una pessima figura per la società concessionaria ed una scarsa sensibilità degli intervenuti che aldilà dei controlli dovuti per legge che avrebbero potuto effettuare senza alcun problema una volta messo al sicuro bimba, gli occupanti del mezzo e la vettura implicata.

“Oramai i necessari ma annosi lavori di manutenzione nelle tratte autostradali A24 e A25 in Abruzzo si possono definire con una sola parola: calvario.

La mia ultima interrogazione al ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, dove sollecitavo il governo e il ministro a dare una tempistica certa e a fare tutto quanto è di loro competenza per mettere in sicurezza, in tempi certi e rapidi, le autostrade in questione, non ha ricevuto una risposta sufficientemente adeguata.

Questa situazione, che causa gravi ripercussioni sulla mobilità di persone e merci, sia a livello regionale che interregionale non è più sopportabile e non solo per gli abruzzesi. Le tariffe sono sempre le stesse, ma i tempi di percorrenza, a causa dei lavori, no.

Sono una pendolare, viaggio su quelle tratte più volte ogni settimana”.

Lo dichiara la deputata abruzzese del Pd Stefania Pezzopane, capogruppo dem in commissione Ambiente della Camera.

“In un estremo tentativo di uscire da questo vicolo cieco – ha concluso Pezzopane – ho chiesto ed ottenuto l’audizione in commissione dell’Ing. Maurizio Gentile, commissario straordinario nominato dal governo per la messa in sicurezza antisismica delle autostrade abruzzesi e laziali A24 e A25 e Corrado Gisonni, commissario straordinario per il rischio idrico del Gran Sasso nonché della società Strada dei Parchi SpA, un’azienda della Toto Holding Spa, concessionaria delle autostrade A24 e A25.

Mi auguro davvero che, con la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, si possa presto ristabilire una viabilità su quei tratti autostradali degna di un Paese civile.”

Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Questo sito fa uso sia di cookie tecnici sia cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone “abilita” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Clicca qui per la Cookie policy